venerdì 4 aprile 2008

Per Valeria



Valeria D'Arbela, Odio e morte nella città di cemento


Questo che vedete sopra è un quadro di Valeria D’Arbela.

Valeria era una donna particolare. Ho avuto la fortuna di conoscerla e di frequentare per qualche tempo, con la leggerezza e l'allegria degli incoscienti, la sua casa sempre piena di amici. Era una di quelle donne che tengono le porte aperte. Tutte le porte.

Era nata a Firenze, ma la sua vera città natale era Venezia.
La pittura era la sua passione e fin da piccola si cimenta con gli acquerelli. La sua prima mostra è proprio a Venezia alla galleria del celebre gruppo dell’ARCO nel dicembre del 1945, subito dopo la liberazione. Lei ha solo quindici anni.

Negli anni 50 aderisce al movimento realista, le sue opere hanno un carattere espressionista e raccontano gli “umiliati e offesi”, il mondo del lavoro. Le sue composizioni sono ispirate alle lotte operaie, ai proletari, ai pescatori di Chioggia e Pellestrina, ai braccianti del Delta padano. Ritrae Venezia con l’intrico delle sue calli, dei rii, gli squeri, le barche.

Si trasferisce a Milano nel 1963 dove approfondisce la sua visione artistica della pittura orientata verso un continuo scambio tra fantasia e realtà e si concentra sul concetto di dimensione urbana.

Dal 1970 i temi della città e della donna suggestionano fortemente la sua attività. Cominciano i cicli pittorici dedicati alla “città disumana”, alla donna rappresentata come oggetto di violenza e soggetto di bellezza. Poi è la volta degli echi della contestazione giovanile degli anni 70 che vengono trasformati in rappresentazioni simboliche.

Nel 1977 si trasferisce a Roma, dove apre uno studio galleria.
Qui la natura viene trasfigurata, creando paesaggi fantastici e onirici. E’ il periodo dei luna-park allegorici, eseguiti a china e a olio.
Arrivano poi le grandi tele dei mari e della rivisitazione di Venezia, città che può considerarsi a ragione la sua culla d’arte.

Valeria purtroppo se ne è andata. Troppo presto. Ha lasciato dietro di sé uno strano silenzio in bianco e nero.

Quest’anno Venezia ha ospitato a Cà Pesaro alcune delle sue opere, in particolare quelle relative alla “produzione veneziana”. Se passate di lì vi consiglio di farci un salto, e di farvi catturare nei meandri dei suoi disegni.
La mostra si intitola Alchimie Veneziane e dura fino al 27 aprile.

Ho scelto per il post questo quadro perché per composizione, soggetto e colori è uno di quelli che più mi coinvolge.

Ne proporrò altri nei prossimi post.

12 commenti:

Geillis ha detto...

Bello il post dedicato a quest'artista, anche se il suo quadro mi inquieta parecchio, ma almeno trasmette qualcosa, no?
Tra l'altro, anch'io amo molto l'acquarello, e invidio chi si sa esprimere in questo modo.
Non credo che passerò per Venezia, però mi piacerebbe vedere qualcun'altra delle sue opere

Stregazelda ha detto...

Geillis,
devi vedere le sue opere a china, sono molto particolari a mio parere. Pubblicherò qualche altra foto delle sue opere. Si sta cercando di organizzare qualcosa anche su roma a breve, ti farò sapere.

Geillis ha detto...

D'accordo, ci conto! Anch'io ho iniziato dipingendo a china, poi sono passata all'acquarello, peccato che i risultati non siano gli stessi di questa pittrice
:-)

ubik ha detto...

ciao amica,
vedo che stai facendo ottime letture. L'eleganza del riccio ti è piaciuto? E aspetto di avvinghiarmi a Castle Rock. Saluti quasi di primavera

laura ha detto...

ti ho incatenata! passa da me...

Geillis ha detto...

che fine hai fatto? Neanche un attimo di tempo per il tuo blog?
Un abbraccio, spero che vada tutto bene

ubik ha detto...

Mi associo. Che fine facesti?

Stregazelda ha detto...

ubik, geillis,laura
più o meno ci sono. E' stato un periodo difficile, e non per le elezioni, quelle accadono e basta.
Ora riprenderò a scrivere qualcosa, e vi ringrazio per la vostra graditissima attenzione (tra l'altro, ubik, non ho ancora letto nemmeno il post sul rock e te ne devo uno sui clash...). Un abbraccio e a presto!!

Anonimo ha detto...

"Coraggio, il meglio è passato"
Ennio Flaiano

Un abbraccio

ubik ha detto...

"Coraggio, il meglio è passato"
Ennio Flaiano

Un abbraccio

ubik ha detto...

ti aspettiamo.
Non farci preoccupare.

bippy ha detto...

Per caso approdata sul tuo blog, mi piacerebbe sapere chi sei^:^, se ci siamo conosiciute, essendo io la figlia di Valeria, mi ha fatto piacere che tu abbia divulgato le sue opere e che si stia organizzando qualcosa a Roma.La mostra di Venezia è stata meravigliosa|^:^ Ben trovata stregazelda! Simonetta