lunedì 24 settembre 2007

Arte moderna





A Stoccolma dal 1998 c'è il Moderna Museet, una costruzione leggera e spaziosa ideata da un architetto catalano, che ospita una discreta collezione di arte moderna svedese e internazionale. Subito dopo l'entrata del museo c'è un delizioso piccolo bar, proprio davanti alla biglietteria. C'è una cassa e un bancone dove si paga e si prendono le bevande, e un lunghissimo tavolo rettangolare dove ci si può sedere per rilassarsi dopo la visita o prima, se si arriva già troppo stanchi per intraprenderla.
Anche questo luogo è fatto un pò per perdere tempo: il tavolone invita alla condivisione con gli altri (è quasi inevitabile che ci si sieda accanto o di fronte a qualcuno) e molte lingue vi si parlano intorno. L'arte non contiene anche questo?
Il lungo tavolo è ricoperto dal vetro: i visitatori, nel tempo, hanno infilato sotto il vetro piccoli pezzi di carte, vecchi biglietti, fotografie, ricevute, carte d'imbarco, con sopra scritti brevi messaggi, disegni, caricature, a volte soltanto semplici firme. Anche io e Ginevra non abbiamo saputo resistere e ora delle tracce di noi sono sotto a quel vetro.
Non so perché ma ho trovato affascinante perdere tempo a leggere quei pezzi di carta. Ciascuno di loro racconta una storia di qualcuno che è passato di là.

Lascio ancora una volta dei versi di Emily Dickinson:

L'acqua, la insegna la sete.
La terra - gli oceani trascorsi.
Lo slancio - l'angoscia -
La pace - la raccontano le battaglie -
L'amore, i tumuli della memoria -
Gli uccelli - la neve.
(1859)

8 commenti:

Patricia Gordillo Serrano ha detto...

Stimati Stregazelda

Vi invito affettuosamente a visitare il mio foglio o pagina in Internet dove troveranno i miei romanza e le mie poesie

Penso che per me possa essere molto importante leggere e lasciare il loro pensiero o interpretazioni sulle stessi poesie.

Volentieri


Patricia Gordillo

Córdoba - Argentina

www.patriciagordillo.com.ar




Mie poesie all' Italiano:

LASCIANDO QUELLA TERRA LONTANA

PROFONDITÀ

Eva Kant ha detto...

Questa poesia è commovente, alcune parole mi hanno aiutato... ora vado in cucina a preparare zucchine ripiene (mi aiuta anche questo) e poi mi piace mescolare il nutrimento per il nostro animo e quello più prosaico, il nutrimento del corpo!
Buona serata!

Stregazelda ha detto...

@patricia
grazie per la segnalazione, andrò senz'altro a leggere le tue poesie!

@eva kant
emily dickinson colpisce molto le mie corde, sono felicissima di poterlo convidere con qualcuno! D'accordo su tutta la linea nutrimento corpo e spirito, sono indivisibili! Le zucchine ripiene saranno venute benissimo, immagino...piuttosto, ripiene di cosa? Mia madre le fa con la carne e sono talmente buone le sue che finora non mi ci sono ancora mai cimentata...
Buona giornata!

Eva Kant ha detto...

Ciao, anche mia madre fa le zucchine ripiene con la carne, ma ques'estate una mia amica (di cui ero ospite) ha preparato delle zucchine ripiene con ricotta, uova, parmigiano, erbette varie (basilico, prezzemolo, mentuccia...) e le ho rifatte!
Buona serata

Eugenio ha detto...

Dopo questo post non posso che cominciare a pensare che per il mio prossimo viaggio a Stoccolma, dove dobbiamo ricostruire il partito dalle fondamenta, dovrò riservarmi una mezza giornata per visitare il Moderna Museet.
Per le zucchine, invece, nessuna invidia, dato che non mi piacciono affatto, purtroppo.
La poesia, invece, è poesia... è il mondo che si fa parola e ti entra nell'animo. Questa poi, leggendola con la giusta predisposizione d'animo, mi porta dentro tutta la fisicità delle sue parole: l'acqua, la terra, i sentimenti... Solo chi non sa apprezzarla, la poesia, non è degno che qualcuno gliene dedichi una.

Stregazelda ha detto...

@eva kant
Che bontà!!Un simile connubio mi incuriosisce moltissimo!!! E stasera cosa cucinerai? Io ho delle melanzane e vorrei trasformarle in un bel primo piatto che certo però non verrà molto leggero...
Buona serata!

@eugenio
fai male a non considerare le zucchine, l'ortaggio è l'involucro che contiene il suo tesoro, non devi fermarti all'apparenza della zucchina!
Quanto a Stoccolma, ti fornirò volentieri del materiale per il tuo viaggio e senz'altro il Moderna Museet vale la pena (a patto che tu possa bighellonare un pò al bar e lasciare un segno del tuo passaggio).
La poesia è parte del nostro animo e noi che ci riconosciamo simili ne siamo consapevoli.

ubik ha detto...

la sera dopo le zucchine, abbiamo avuto una favolosa pasta al ragù, molto buono: colpevoli delle amiche di Eva Kant ospiti. Firmato il marito.

Per quanto riguarda Emily Dickinson volevo aggiungere che mi piace moltissimo e volevo consigliarti "Nei sobborghi di un segreto. Vita di Emily Dickinson" di Marisa Bulgheroni un'altra donna affascinata dalla poetessa a tal punto che ha curato tutte le poesie e le traduzioni nel bellissimo Meridiano Mondadori.

Infine perdona l'autocitazione ma io ed Eva Kant abbiamo un nostro blog: www.lineadombra.wordpress.com
Ci farebbe piacere sapere che sei tra i suoi visitatori.

Ciao e Buona Giornata

Stregazelda ha detto...

ubik
grazie, non sapevo che avevate un blog, verrò senz'altro a visitarvi! Accolgo volentieri il suggerimento che mi proponi sul libro della Bulgheroni, e me lo andrò senz'altro a procurare!
Ieri sera ho pensato a eva kant: ho cucinato una pasta improvvisata con melanzane e provola affumicata, ed è venuta buonissima!
Siamo davvero dei buongustai della vita!!